Un nuovo Telegram per macOS

Non si sa ancora nulla di ufficiale riguardo le telefonate via Telegram, ma oggi è stata rilasciata una nuova versione dell’app per il sistema operativo di Apple: vediamo cosa c’è di nuovo!

La novità principale è dal punto di vista tecnico: l’applicazione è stata riscritta da zero in Swift 3.0, il linguaggio di programmazione creato un paio di anni fa da Apple, e va a sostituire la vecchia versione sviluppata in linguaggio Objective-C. Questo garantisce maggiore velocità e stabilità del programma, oltre alla possibilità di integrare nuove funzioni in modo più semplice.

Come nella precedente versione, Telegram per macOS rimane l’unica applicazione per computer a supportare le chat segrete. La nuova app permette anche di usare Markdown per aggiungere formattazione al testo (grassetto, corsivo, ecc.).

Molto utile è anche il pannello laterale delle emoji e degli sticker, che rimane sempre aperto e a portata di mano allargando la finestra oltre una certa dimensione.

Il pannello laterale degli sticker

Una novità in fase di sviluppo ma attualmente disattivata è la gestione di più account Telegram: così come avviene già su alcuni social network come Instagram, permetterà di ricevere e inviare messaggi da parte di differenti profili, senza dover continuamente effettuare il logout e l’accesso con altri numeri di telefono. Non è ancora chiaro però se si tratta di una funzione riservata agli sviluppatori o se vedrà la luce per tutti gli utenti.

L’aggiornamento alla nuova versione deve ancora atterrare sull’App Store di Apple, ma è possibile installarla manualmente già ora scaricando l’immagine disco in formato Dmg: richiede almeno la versione di macOS 10.11 e può essere scaricata dall’indirizzo https://telegram.org/dl/macos.

Attenzione, però! Sostituendo la versione dell’App Store, perderete tutte le chat segrete e dovrete effettuare nuovamente l’accesso. Altrimenti, se state già usando la versione scaricata manualmente, eventuali vecchie chat segrete diventeranno in sola lettura; naturalmente sarà possibile creare di nuove.

Condividi questo articolo

Facebook Twitter Google+ Telegram WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *