Facebook è sempre più confuso e lancia WhatsApp Status

Facebook è confuso! Così confuso da colpirsi da solo.

Non contento delle storie su Instagram, lanciate il 2 agosto del 2016, Mark Zuckerberg ha deciso di esportare la stessa funzionalità anche sull’app per smartphone di Facebook. Non cambia nulla, nemmeno il nome: le Facebook Stories sono brevi video o foto che scompaiono automaticamente dopo 24 ore.

Non contento, però, il buon Zuckerberg ha annunciato l’arrivo delle storie anche su WhatsApp, che dal 2014 è di proprietà del social network di Menlo Park.

Si chiamano WhatsApp Status, ovvero una versione rinnovata di quello «status» testuale che da sempre è possibile impostare sul proprio profilo di WhatsApp, quel «Hey there! I am using WhatsApp» che appare di default quando installiamo l’app.

Telegram non ha mai adottato un simile concetto di stato testuale, ma permette di creare un canale (come quello di @SpazioTelegram) nel quale è possibile condividere testo, link e file multimediali con tutti coloro che lo seguono.

Come potrebbe rispondere Telegram a questa novità di WhatsApp? Potrebbe forse implementare un canale automatico per ogni profilo utente: aprendo la pagina del contatto, si potrebbero scorrere i suoi post pubblicati. Chissà se Pavel Durov non ci stia già pensando…

Nel frattempo, rimaniamo in attesa della nuova versione di Telegram per iOS e Android, che sta richiedendo qualche giorno in più rispetto al previsto, ma che dovrebbe permettere di impostare temi grafici personalizzati anche su mobile, così come avviene già sulla versione Desktop.

Condividi questo articolo

Facebook Twitter Google+ Telegram WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *